Italiano | English

Un secolo di Scuola

I cento anni della Scuola Archeologica Italiana ad Atene

Gallerie
Regia
Adolfo Conti
Luogo
Atene. Isola di Lemno ( Poliochni, Efestia, Chloi). Creta ( Gortyna, Festos, Hagia Triada, Prinias) Thouria ( Messenia)
Anno
2010
Durata
55 minuti
Sinossi

Nel 2009 la Scuola Archeologica italiana ad Atene ha festeggiato cento anni di vita. In realtà gli archeologi italiani erano al lavoro in Grecia ben prima del 1909, soprattutto a Creta dove avevano effettuato ritrovamenti sensazionali.  Nel 1884 un giovane di 27 anni scopre, incise su una parete lapidea, le Leggi di Gortyna: il più antico corpus di leggi d’Europa. Il nome del giovane archeologo entra nella leggenda: si chiama Federico Halbherr.  Nato a Rovereto, tra le montagne del Trentino, Halbherr legherà la sua vita al mare, al sole e alla terra di Creta e di Libia, in un’attività instancabile di ricerca e studio.  A partire dall’estate del 1900 la Missione Archeologica Italiana di Creta avvia altri importantissimi campagne di scavo: il palazzo di Festòs e la villa di Haghia Triada, scavi che pongono le fondamenta degli studi della civiltà minoica.  L’istituzione della Scuola nel 1909 fu dunque quasi un atto dovuto, indispensabile per continuare e sostenere la ricerca scientifica e ovviamente per formare le nuove leve dell’archeologia italiana.  In cento anni di attività la Scuola ha ampliato grandemente il proprio raggio di azione, scavando a Lemno, a Rodi, a Coo, a Cefalonia, in Arcadia.  Oggi la Scuola è un punto di riferimento imprescindibile nella cooperazione scientifica tra Italia e Grecia e punta di diamante della archeologia mondiale

Info
Crediti

intervistati: Giovanni Pugliese Caratelli, Vincenzo La Rosa, Antonino di Vita, Filippo Carinci, Louis Godart, Francesca Elena Ghedini, Paola Pelagatti, Dario Palermo, Emanuele Greco, Angela Pontrandolfo

consulenza scientifica: Emanuele Greco

fotografia e riprese: Franco La Muro  Eugenio Persico

montaggio: Eugenio Persico

musiche originali: Pasquale Catalano